5 App da avere prima del tuo viaggio in Cina

0

Sono arrivato per la prima volta in Cina nel 2011. Tempi nei quali la tecnologia era più rude e per interagire con i cinesi era molto più difficile.

Oggi le app riescono a facilitare o quantomeno smussare le barriere culturali rendendo più facile il viaggio nella terra di mezzo.

In questa guida, le app che devi avere assolutamente prima di partire.

Wechat

Wechat è il Whatsapp cinese che conta quasi 900 milioni di Cinesi connessi. Questa chat è utilizzata per tutto. Dalle comunicazioni di gruppo ai pagamenti al tracking degli ordini eCommerce.

Ma a cosa serve Wechat per un viaggio in Cina?

  • Mettici un po’ di credito (in anticipo così da non tribolare dopo) e paga i taxi. In questo modo non verrai fregato sul prezzo e non riceverai banconote false come resto.
  • Community di expats: tutti gli expat in Cina sono con molta probabilità in un gruppo Wechat. In caso di problemi o di consigli, sempre meglio avere qualche contatto localizzato vicino a te. Questo canale è anche ottimo per farti amici, se ha intenzione di allungare la tua permanenza.
  • Comunicazioni facili con i cinesi: scambiandosi il QR code di Wechat sarà possibile inviarsi messaggi (con traduzione automatica). Ricordati che Whatsapp è bloccato e quindi devi adeguarti agli schemi locali (con guide, taxisti e/o collaboratori sul posto).

Inoltre, tutte le attività commerciali accettano WeChat Pay e salverai molti soldi evitandoti ingenti costi di cambio contante in banca (negli ultimi sei mesi non ho mai prelevato contanti – ho sempre 100 rmb nel portafogli di sicurezza e spesso lascio il portafogli a casa)

Didi (Uber)

Uber ha venduto le proprie licenze per il mercato cinese a Didi: la app usata su scala per chiamare un Taxi a qualsiasi ora del giorno.

Fonte: Crunchbase

Dal grafico, nel 2017 Didi ha fatto quasi il doppio delle corse in Cina vs Uber in tutto il mondo. Il prezzo per una corsa è talmente basso da mettere in discussione i mezzi pubblici (escludendo le linee veloci)

Puoi pagare le corse Didi con il credito di Wechat. Puoi anche considerare di processare i pagamenti tramite AliPay.

Mobike

Quando decidi di “andare a giro” spesso ti troverai in vicoli ciechi. La Cina è famosa per avere un walkability index molto basso. Ciò vuole dire che per attraversare una strada devi fare 500 metri al cavalcavia, attraversarlo e poi altri 500 metri indietro per ritrovarti dall’altra parte della strada rispetto al punto iniziale.

Una Mobike potrebbe letteralmente farti salvare ore durante i tuoi spostamenti. La densità inoltre di queste bici è molto più alta rispetto a quella che vedi nelle città italiane (sono solo dei pilot test).

Dovrai lasciare un deposito di 100 Rmb ma poi potrai utilizzarla per spiccioli, soprattutto nelle piccole distanze dove un taxi ti porterà solo nausea da traffico. Guida con cautela e ricordati che tutti hanno la precedenza su di te.

Meituan

In base alla durata del tuo viaggio e alla tua posizione, a volte vorrai semplicemente mangiare rapidamente a casa (magari qualcosa di occidentale). Meituan è una app per la consegna del cibo dai ristoranti (come glovo, deliveroo o Uber Eats in Italia).

La consegna è molto rapida e praticamente gratuita. Troverai offerte per avere piatti a prezzi più bassi che al ristorante. La app è molto comoda e può essere anche solo utile per trovare posti interessanti nelle vicinanze.

Ti consiglio di farti aiutare da un cinese per il setup dell’indirizzo, poi sarà molto facile piazzare ordini pagandoli con Wechat pay o Alipay.

Una buona VPN / Sim dati

Non dimenticarti che praticamente tutti i servizi google sono bloccati in Cina:

  • Google Maps è bloccato
  • Google translate è bloccato (puoi provare baidu fanyi)
  • Ricerche google sono bloccate (puoi provare baidu)
  • Facebook, Youtube e Whatsapp sono bloccati

Inoltre, molte VPN sono bloccate e quasi tutte soffrono durante eventi importanti come le vacanze di Febbraio / Ottobre.

Ecco 3 VPN che consiglio. Se sei un geek puoi anche fartene una da solo (con un indirizzo dedicato, il traffico sarà tutto tuo e stando fuori dai servizi di massa, avrai meno probabilità di essere bloccato)

Per quanto riguarda la sim, ti consiglio China Unicom (anche se molti ti consiglieranno China Mobile). Per la mia esperienza, China Unicom ha una copertura maggiore e funziona anche meglio durante i trasferimenti con TAV. Recati in un negozio (possibilmente centrale e grande – parlano meglio l’inglese) con il passaporto. Con 100 rmb avrai già un buon piano ricaricabile con copertura mensile.

Buon Viaggio!

Share.

Rispondi