domenica, dicembre 9

Che cos’è Fuchsia, il nuovo sistema operativo di Google?

0

Fuchsia è un sistema operativo totalmente nuovo, attualmente nelle prime fasi di sviluppo di Google. In che cosa differisce da Android e Chrome e potrebbe sostituire uno dei due? Scopriamolo.

Che cos’è?

Fuchsia è apparso per la prima nel mondo tecnologico a metà 2016, quando un progetto open source è apparso sul repository GitHub.
Secondo le considerazioni della stampa tech, è stato progettato per essere un sistema operativo “universale”, in grado di funzionare su qualsiasi dispositivo, da smartwatch a potenti computer. Ciò include potenzialmente telefoni, tablet, laptop, elettrodomestici, smart home e altro ancora.

Un sistema operativo universale è qualcosa come il santo graal dei produttori di software, ma non è ancora stato raggiunto. Microsoft ha cercato di rendere Windows 10 “universale”, almeno nel senso che alcuni telefoni sono stati realizzati per poterlo eseguire in una versione ridotta.
Quello che al momento si avvicina di più ad un sistema operativo che funziona a tutti i livelli dell’hardware è Linux, in parte utilizzato per Android, Chrome OS, router e modem, dispositivi intelligenti e tonnellate di software industriale.

Il tentativo di Microsoft di una piattaforma “universale” non ha avuto molto successo

Ma il semplice fatto di avere hardware diverso da eseguire su software vagamente simili non è proprio il punto.
L’obiettivo per Microsoft, Apple e Google è creare un unico sistema operativo in grado di eseguire le stesse app con modifiche di sviluppo minime su una gamma di hardware il più vasta possibile. Ciò faciliterebbe l’interconnessione nella tecnologia a livello del consumatore, attirerebbe gli sviluppatori di software che desiderano creare app su più piattaforme in modo efficiente e, soprattutto, porterebbe i consumatori in un unico ecosistema software facile da controllare (e difficile da lasciare per la concorrenza!).

Google non ha ancora dichiarato che questo sia l’obiettivo di Fuchsia; in realtà Google non ha detto molto di Fuchsia, ma sembra un’aspirazione naturale, rafforzata da alcune funzionalità multipiattaforma integrate con Android e iOS.

In che modo Fuchsia è correlata ad Android e Chrome

Mentre Android e Chrome OS utilizzano entrambi una versione pesantemente modificata del kernel Linux, Fuchsia è costruita da zero su un micro-kernel totalmente nuovo chiamato Zircon.

Le differenze tra un kernel del sistema operativo convenzionale e un microkernel sono complicate, ma l’essenziale è che i microkernel sono costruiti da zero per aumentarne efficienza e flessibilità. Il concetto risale a decenni fa ed è stato in gran parte abbandonato quando la potenza del computer, la memoria e lo spazio di archiviazione sono sbocciati negli anni ’90. Ora, con la tendenza dell’elettronica di consumo a spostarsi verso hardware più piccoli, più efficienti e più portatili, Google vede l’architettura del microkernel potenzialmente adatta per il suo sistema operativo di prossima generazione.

Fuchsia UI concept in esecuzione su un telefono Android.

Non fa male che con un sistema che ha creato tutto da solo, Google ha il controllo più o meno totale su come si evolveranno Zircon e Fuchsia, sia prima che dopo la sua commercializzazione. Google ha imparato la lezione con Android, che ora è fortemente fratturato grazie alla sua natura open source. Chrome OS è essenzialmente bloccato dai suoi termini di licenza, anche se è tecnicamente open source. Fuchsia, di nuovo open source, sarebbe presumibilmente controllato quasi interamente da Google stessa, anche se in esecuzione su hardware venduto da aziende partner.

Quando arriverà Fuchsia?

La risposta semplice è: non ne abbiamo idea. È in una fase così precoce che Google probabilmente non ha nemmeno una tabella di marcia fissa. Google ha commentato il progetto molto scarsamente, tranne per confermare che è una cosa reale che ha un supporto significativo. Al momento, l’unica informazione facilmente disponibile su Fuschia è il suo codice sorgente, che è pubblicato sia su GitHub che sul repository di Google.

È del tutto possibile che a un certo punto Google valuterà Fuchsia in relazione alle attuali condizioni di mercato e deciderà se eliminare o portare avanti il progetto. Potrebbe continuare con Android e Chrome OS, o sviluppare qualcosa che non abbiamo ancora visto. Ma al momento, Fucsia sembra il successore più probabile (anche se distante) di Android e forse di Chrome.

Posso provarlo?

Quasi. Le basi di Fuschia sono disponibili nei repository open source tramite i quali è possibile ottenere una build estremamente precoce del progetto attivo e funzionante, ma solo su alcuni hardware specifici al momento. Ad oggi, questi sono limitati al mini-PC Intel NUC, al tablet Acer Switch Alpha 12, al HiKey960 e al Khadas VIM. Questi ultimi due sono system-on-a-chip, come un più potente Raspberry Pi.

Acer Switch Alpha 12 è uno dei pochi dispositivi che supporta le prime build Fuchsia.

Ultimo aggiornamento il dicembre 8, 2018 11:25 am

 

C’è un dispositivo che non è ufficialmente supportato, ma che può eseguire comunque Fuchsia: il Pixelbook. E ha senso, in quanto Pixelbook è il Chromebook super premium di Google. Ron Amadeo di Ars Technica è riuscito a ottenere il primo codice Fuchsia e a farlo funzionare per controllare il sistema operativo.

Fucsia sul Pixelbook (Credit: Ars Technica)

È anche possibile eseguire  pezzi di codice Fuchsia su telefoni Android utilizzando alcuni build precedenti. Ma in questo caso, avrai bisogno di alcune serie competenze tecniche per costruire il codice fino al punto in cui puoi installarlo. E alla fine sarai solo in grado di vedere come funziona una versione molto iniziale dell’interfaccia utente.
Se ti interessa, guardare alcuni video pratici su YouTube o lascia un commento nel box sotto

Share.

Rispondi

15585

Un'ultima cosa 😏 

Mi Sconti di Oggi

Macchine del 😴

Ultimi Gadget

Migliori Cloni