Huawei durante la propria conferenza per sviluppatori ha mostrato la nuova GUI Huawei: EMUI 11. Tra le restrizioni derivate dal veto americano, EMUI è stata mostrata su Android 10 nonostante Android 11 sia già stato lanciato ufficialmente. Si allontana così da altri produttori cinesi come Xiaomi, Realme o OnePlus che dispongono già di alcuni terminali aggiornati all’undicesima versione di Android.

EMUI 11: caratteristiche e novità di sistema

EMUI 11 si aggiorna sulle basi progettuali introdotte con EMUI 10, la versione 2019. Tuttavia, riceve anche i propri contributi. Tra questi l’ispirazione in Piet Mondrian, il pittore olandese, autore di composizioni diritte riconosciute nei colori di base come rosso, blu, giallo, bianco e nero.

Con queste linee possiamo scegliere un design per la schermata di blocco del terminale e la modalità Always On, che ha un punto di animazione ma anche con una dichiarazione: non consumerà troppa batteria.

Huawei Emui 11

Seguendo i passaggi del rinnovamento dell’interfaccia Samsung, dove è stata ripensata l’interazione per dispositivi di grandi dimensioni, Huawei imita alcune delle novità di Android 11. EMUI 11 ha infatti la possibilità di ridurre al minimo le finestre mobili in qualcosa di simile ai palloncini reintrodotti da Google. In questo modo, il multitasking offre una possibilità in più per i momenti con più attività.

Viene inoltre introdotta la possibilità di gestire i permessi che diamo alle applicazioni (in stile xiaomi). La sicurezza e la privacy del sistema operativo sono migliorate, consentendo all’utente di dare un permesso – ad esempio, alla telecamera o al microfono – valido solo per un momento specifico. Inoltre, l’applicazione in questione non sarà in grado di accedere a queste funzionalità più sensibili.

Design di Emui 11

EMUI 11 introduce anche la possibilità di sincronizzare le suonerie alla vibrazione del dispositivo. È uno dei modi in cui Huawei afferma di implementare la scienza del comportamento umano per migliorare le interazioni. Un altro sono le transizioni di sistema, ora più fluide e trasversali all’intero sistema operativo.

Per quanto riguarda i dispositivi pieghevoli, Huawei includerà fino a due finestre mobili invece di una sola. In questo modo, sembrerà più l’interfaccia di un computer, in cui possiamo avere più applicazioni in esecuzione e disponibili allo stesso tempo.

Huawei Emui 11

Tra gli altri miglioramenti, Huawei introduce anche miglioramenti nel trasferimento di file con il PC. Pertanto, l’interazione tra due dispositivi sarà più veloce, soprattutto tramite wireless. In modo sicuro, possiamo anche gestire le notifiche e persino controllare il cellulare dal computer.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui