A meno di una settimana dall’entrata in vigore del divieto degli Stati Uniti, Huawei si sta affrettando ad aumentare il suo inventario di chip il più possibile prima del 15 settembre.

I chip di fascia alta Kirin di Huawei non possono essere prodotti dopo il 15 settembre e il chip Kirin 9000, che dovrebbe essere lanciato quest’anno, forse l’ultima generazione di chip di fascia alta Kirin.

In qualità di produttore leader mondiale di telefoni cellulari e fornitore di apparecchiature 5G, Huawei è diventata al centro dell’attenzione nazionale e internazionale sulla guerra tecnologia tra oriente ed occidente.

Il Global Times ha citato Huang Haifeng, analista senior indipendente nel settore delle comunicazioni, affermando che le scorte di Huawei per il chip Kirin 9000 sono di circa 10 milioni di chip, il che significa anche che ci sono circa 10 milioni di telefoni Huawei che possono essere equipaggiati con questo chip.

Queste scorte di chip potrebbero essere in grado di supportare circa sei mesi, quando si esauriranno, l’attività di telefonia mobile di Huawei, in particolare l’attività di telefonia mobile di fascia alta, incontrerà presto enormi sfide, ha detto Huang Haifeng.

Huawei Mate40 avrà Kirin 9000, l’ultima generazione di chip Kirin di fascia alta

Huang Haifeng ha detto che l’investimento nel settore dei chip è un grande rischio con produzione incerta, e coinvolge le aziende a monte e a valle della catena industriale di tutte le dimensioni, la necessità di uno sviluppo complessivo.

L’esperto di comunicazioni Xiang Ligang ha affermato che con la maturità dell’industria dei terminali cinese, la domanda di chip è in crescita, anche la produzione di chip sta diventando un grande investimento che grandi ritorni per l’industria.

Oltre ai finanziamenti governativi e al sostegno politico, il mercato dei capitali privati cinesi sta offrendo un grande sostegno per sostenere i chip made-in-china.

SMIC, Cambricon e altre società di chip quotate da quest’anno hanno raccolto un sacco di soldi: dal 5 luglio, le società di semiconduttori cinesi nel 2020 hanno ricevuto circa 144 miliardi di yuan (circa 17 miliardi di euro) di finanziamento. Ci sono voluti solo sei mesi per raggiungere 2,2 volte il valore ricevuto nel 2019.

Huang Haifeng prevede che entro 10 anni i chip cinesi potranno fare un passo avanti in alcuni processi all’avanguardia mettendo in seria discussione la produzione occidentale.

Xiang Ligang è più ottimista, ha detto ai giornalisti che se l’intera industria nazionale può cooperare, sarà in grado di mettersi al passo con i produttori stranieri come Qualcomm in circa cinque anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui