lunedì, ottobre 22

La fine di LeEco: dal fallimento negli USA ai problemi in Cina

0

Il marchio LeTV  (乐 视 / Lèshì, nome dell’azienda: 乐 视网 信息 技术 北京 股份有限公司), noto anche come LeEco o LeREE (in Russia e nell’Europa orientale), era una delle aziende di punta in Cina. Questi signori sono stati i primi ad offrire una connessione USB-C sui loro smartphone, ma non solo: volevano anche entrare nel mercato delle automobili a guida autonoma con il progetto Faraday Future.

Questo è il classico atteggiamento di business cinese: laddove avere successo con un prodotto buono è sempre più difficile per l’elevata competizione, aggredire più segmenti può garantire più possibilità di crescita. L’espansione di LeEco ha tuttavia avuto dei problemi, al punto che adesso non riescono neanche a stare dietro al segmento della telefonia.

I problemi dell’azienda sono arrivati così lontano che l’ex amministratore delegato e fondatore Jia Yueting (贾跃亭 / Jiǎyuètíng) – chiamato “Steve Jobs cinese”, attualmente in California, è stato richiamato in Cina dal governo cinese per “risolvere i problemi”. Ovviamente l’invito è stato rifiutato

La storia di LETV

La società è stata fondata nel 2004 ed è una delle prime piattaforme di video e streaming al mondo. Per darvi un’idea della portata del progetto, YouTube è stata fondato nel 2005 e MySpace nel 2003. Questo ruolo pionieristico ha permesso all’azienda una rapida crescita di utenti e attenzioni da parte della stampa.

Il fondatore, Jia Yueting, divenne quasi una superstar nella scena tecnologica cinese. Media e cittadini nutrivano grandi speranze per questo innovativo progetto, che oggi fornisce anche hardware (TV e home) e il proprio software.

Dal 2010, LeTV è rappresentata in borsa a Shenzhen e all’inizio del 2015 Le.com . La casa madre è oggi valutata oltre 10 miliardi di euro.

Il prezzo delle azioni di LeTV è ai minimi storici e solleva molte domande sull’operato dell’azienda. (Fonte: Bloomberg Finance )

Sono anche noti due casi in cui il trading è stato sospeso. L’ultimo in ordine di tempo ha visto le dimissioni dell’amministratore delegato in America e, come accennato in precedenza, non ha seguito le istruzioni del governo cinese. A quel tempo, LeEco aveva $ 1,54 miliardi di debiti .

Per proteggere gli investitori, il trading è stato sospeso nel 2017. Jia Yueting, che si presume abbia a cuore il futuro di Faraday in America, non è tornata in Cina. I suoi conti bancari rimangono bloccati. Il prezzo delle azioni riflette l’attuale fiducia in Letv.

Espansione in Russia: LeREE fondata a Mosca

L’espansione internazionale di LeEco è stata tra le novità più attese in Cina.
Nel 2016 LeTV ha fondato LeREE (LeEco Russia e Europa orientale). La divisione era guidata da Victor Xue, che riuscì persino a conquistare i politici che diedero il via libera all’espansione.

Il primo negozio di LeEco in Russia (Mosca)

Gli smartphone con marchio LeTV o LeEco sono stati venduti come LEREE in questi paesi. Ad esempio, nel giugno 2016 è stato presentato il LEREE Le 3, identico a LeEco Le 3 versione Cina.

Allo stesso tempo, è stato aperto un flagship store nell’atrio di Mosca, un centro commerciale di fascia alta. Purtroppo ha avuto vita breve: già chiuso nel terzo trimestre del 2017, perché – così la dichiarazione ufficiale – gli affitti sono troppo alti . Tuttavia, è stato annunciato che entro la fine del 2018 saranno aperti fino a 500 negozi fisici in Russia.

Sfortunatamente, nel terzo trimestre del 2017 è diventato chiaro che queste erano solo parole, poiché LeREE ha venduto solo 21.000 smartphone in Russia nella prima metà dell’anno. Di gran lunga di meno rispetto ai concorrenti cinesi come Huawei, ZTE o Lenovo.

Ad oggi, la società non si è ufficialmente ritirata dalla regione, ma continua a fare promesse per il futuro.

Espansione in America: grande spettacolo ma battute d’arresto gigantesche

L’espansione in America avrebbe dovuto rappresentare una delle pietre miliari più importanti per l’azienda. Anche gli investitori domestici sono stati positivamente propensi ad espandersi all’estero, poiché solo poche aziende cinesi riescono a portare con successo il proprio marchio oltreoceano.

Il caso – nel vero senso della parola – si è rivelato rapidamente un fallimento. Grandi promesse, investimenti e annunci hanno mostrato quanto male l’azienda fosse realmente preparata all’espansione.

Evento di lancio LeEco negli Stati Uniti, 2016

Un gigantesco evento di lancio ha introdotto LeEco nel mercato americano nel 2016. L’evento è stato posticipato molte volte per problemi nell’organizzazione.
L’auto di Faraday Future che doveva essere introdotta per l’evento, ha avuto un  incidente sulla strada.

Inoltre, per entrare nel mercato americano, LeEco ha affrontato spese importanti, come:

  • 2 miliardi di dollari in pubblicità televisiva (20% di shares di Vizio)
  • $ 250 milioni a Yahoo per la struttura in Silicon Valley
  • Top manager di Samsung e Google (CTO, CMO, CFO e HR)
  • Oltre 500 dipendenti per fondare la sede americana

Per inciso, l’acquisto di Vizio non si è concretizzato fino ad oggi, ed è andato così male che l’azienda americana LeEco ha citato in giudizio Vizio l’anno scorso , perché non hanno rispettato il loro accordo.

Fortunatamente, il caso è stato documentato da Gizmodo.com e le discussioni con gli ex dipendenti chiariscono che l’azienda era destinata al fallimento sin dall’annuncio.

Logicamente, gli obiettivi di vendita fissati non sono stati raggiunti e settimane dopo il grande evento, i primi dipendenti erano già stati licenziati. Anche i pagamenti degli stipendi ai dipentendi sono stati ritardati e il management cinese, che non era disposto a consegnare il controllo ai top manager assunti, ha costantemente cercato di detenere il controllo.

Anche i top manager di alto livello di aziende di successo come Samsung e Google hanno lasciato l’azienda nei primi 5 mesi.

Così è iniziata (e finita) la storia di LeEco USA, che ha causato ingenti licenziamenti.

LeEco oggi

Come mostra il prezzo delle azioni, LeEco non è affatto l’impero che era quattro o cinque anni fa. I subappaltatori nel settore cinematografico o alimentare restano fortemente indebitati. Tuttavia, il core business, con oltre 600 milioni di utenti, è particolarmente interessante per molte aziende interessate in pubblicità.

Ecco perché LeEco ha ricevuto circa $ 500 milioni da giganti industriali come Tencent e JD.com. Questo certamente preserverà le operazioni di LeEco in Cina. L’azienda oggi sta sviluppando film, l’ultimo che ci ricordiamo è “The Great Wall”, costato $120 milioni.

Ci saranno nuovi smartphone da LeEco?

Per ora non ci saranno più nuovi dispositivi della popolare “Le series”. I fan potranno però continuare a supportare LeEco con i tablet Coolpad (controllata al 30% da LeEco)

Coolpad Cool 1 è una copia 1-a-1 di LeEco Le 3. Tuttavia, Cool 2 non ha alcuna somiglianza con gli smartphone del partner. Riusciranno questi dispositivi a ottenere nuovamente fama a livello mondiale? Per ora sono venduti solo in Cina e India. Noi onestamente dubitiamo…

L’era di LeEco è ufficialmente finita per gli appassionati di smartphone. Una morte meritata basata su grandi parole e un forte ego? Ti mancheranno gli smartphone di LeEco?

Share.

Rispondi

15585

Un'ultima cosa 😏 

Mi Sconti di Oggi

Macchine del 😴

Ultimi Gadget

Migliori Cloni