Meross la lampadina smart – Recensione

0

Meross è un marchio che stiamo imparando a conoscere con piccole recensioni e guide d’utilizzo di prodotti di tutti i giorni in salsa smart.

Articolo Suggerito: Meross Smart Plug – comandiamo i nostri elettrodomestici con..

Abbiamo avuto modo di vedere due prese smart di casa Meross, oggi invece parliamo di una lampadina smart dimmerabile e modificabile nel colore.

Confezione e Design

Confezione semplice ed anche abbastanza scarna. Cartone riciclato, stampa della lampadina sul fronte e la specifica della potenza in basso a destra. Un piccolo foglio d’istruzione e nulla più. La lampadina nella confezione è imballata davvero bene ed è incastrata in modo tale  da non farla muovere.

La lampadina ha un design classico, forse leggermente più grande di quanto ci si aspetterebbe (sicuramente più grande di una lampadina Yeelight). La dimensione ovviamente è influenzata dal modulo Wi-Fi integrato. La lampadina ha una potenza nominale di 700 lumens, che sono tanti per una lampadina di queste dimensioni. Quando accesa consuma solo 9 watt.
Teoricamente, con un utilizzo medio di 3 ore ha una previsione di vita di 22 anni!

Applicazione e configurazione

Come per tutti i prodotti smart, è disponibile l’applicazione sia per iOS che per Android. L’applicazione non porta restrizioni ed è compatibile con qualsiasi dispositivo.

Per la configurazione non ci sono particolari difficoltà. Una volta installata l’applicazione collegate la lampadina ed accendetela (noterete come cambierà colore e intensità per avviare la fase di configurazione).

Come nelle guide precedenti, andiamo nella  sezione in alto a destra e premiamo sul tasto + per aggiungere un nuovo  dispositivo.

Aggiungiamo quindi la lampadina “Smart Bulb”.

Seguiamo le istruzioni e accendiamo la lampadina, se non l’avessimo già fatto. Andiamo avanti con le istruzioni, bisognerà  attendere che la lampadina si illumini 3 volte.

Premiamo sul tasto “Vai alle impostazioni Wi-Fi”, si apriranno le impostazioni Wi-Fi del nostro dispositivo e dovremo collegarci alla  rete chiamata Meross_LB_xxxx. Una volta collegati ritorniamo all’applicazione Meross e diamo il comando di “Sono connesso a Smart Bulb Wi-Fi”.

Scegliamo l’icona che più si avvicina all’utilizzo che ne faremo. Premendo su “Prossimo” dovremo solo attendere le configurazioni finali. In questa fase l’applicazione invierà alla lampadina la password del Wi-Fi per consentirne il collegamento.

Se tutto è andato come dovrebbe riceveremo un messaggio di conferma, come questo in alto. Avremo quindi ora modo di poter comandare la lampadina. Si potrà cambiare l’intensità ed il colore a nostro piacimento.

Come potete vedere qui in alto, la possibilità di cambiare colore e intensità funziona più o meno come per le Yeelight. I tasti in basso servono, partendo da sinistra verso destra, ad accendere o spegnere la luce, impostare modalità colore, impostare modalità luce bianca (da calda a fredda). Una volta  selezionata la modalità colore o bianca potremo muovere il dito dall’alto verso il basso per l’intensità, mentre da destra verso sinistra per variare il colore o il calore della lampadina.

Considerazioni

Le lampadine smart sono sempre più comuni ed aggiungono sempre più funzioni. Ci sono lampadine smart classiche che cambiano solo il colore, ci sono altre che integrano delle casse bluetooth per diffondere la musica fino a ripetitori wireless in posizioni perfette per evitare gli ostacoli dei mobili.

Articolo Suggerito: Lampade smart: guida e consigli per una smart-home..

Questa lampadina Meross si dimostra essere essenziale, pulita e facile da configurare. La sua compatibilità con Google Assistant e con Alexa la dimostra pienamente compatibile con i sistemi più comuni. Dotarsi di un Google Home, magari anche mini, o un Amazon Echo, consente di comandare la lampadina con la semplice voce (sia nel colore che nell’intensità).

L’unica cosa che non apprezzo delle lampadine smart è la necessità di dover lasciare sempre acceso il pulsante per consentire di ricevere sempre l’alimentazione. Personalmente non voglio rinunciare al tasto fisico. Per questo motivo al momento preferisco la soluzione del Sonoff  a quella delle lampadine smart. Ovviamente il Sonoff non consente di poter dimmerare la luce o modificarne il colore, utilizzando le lampadine classiche.

Articolo Suggerito: Sonoff, comandiamo le nostre luci di casa da smartphone..

Per l’utilizzo quotidiano invece non ci sono problemi. Nessuna difficoltà, il tempo di risposta forse è uno dei più rapidi mai visto. Effettuando il cambio colore con una Yeelight bisogna attendere qualche attimo (parliamo di frazioni di tempi brevi) con la lampadina Meross ho notato un tempo di risposta immediato.

Se volete approfondire con i prodotti smart vi consiglio di dare uno sguardo ai nostri altri articoli su prese smart, Google Home e IFTTT. Se avete esigenze specifiche invece utilizzate il box in basso per consigli.

Articolo Suggerito: IFTTT – Guida pratica all’automazione..
Articolo Suggerito: Accendiamo automaticamente la luce una volta a casa usando..

In basso invece trovate il link d’acquisto alla lampadina.

Ultimo aggiornamento il Dicembre 8, 2019 9:29 pm
Share.

Rispondi