Motorola Razr è il telefono più complicato che iFixit abbia mai smontato

0

Questo marchio che noi davamo per spacciato è stato acquisito da Lenovo nel Gennaio del 2014. Dopo qualche anno di esperimenti falliti, ecco qualcosa di diverso.

Nella prima metà dello scorso anno, Samsung ha lanciato il Galaxy Fold e poco tempo fa anche il Galaxy Z Flip. Con Huawei che di certo non è rimasta a guardare, con il suo Huawei Mate X.

Tuttavia, nonostante il fatto che i telefoni cellulari con schermo pieghevole siano disponibili da meno di un anno, la loro fattibilità è ancora una preoccupazione per tutti: nessuno vuole spendere 1,000+ € per acquistare un telefono cellulare che potrebbe spaccarsi in pochi mesi – solo per il piacere di essere un early technology adopter.

Di recente, iFixit ha smontato il Motorola Razr. Come il precedente smontaggio del Galaxy Fold, iFixit ha inizialmente elogiato l’idea di Motorola, ma ha detto che era il telefono cellulare più complicato che abbiano mai smontato.

E in termini di tenuta delle cerniere, il Razr potrebbe avere gli stessi problemi agli ingranaggi del Galaxy Fold: un problema che senza dubbio è fatale per schermi pieghevoli e cerniere.

Fonte: iFixIt

Si può vedere dalle specifiche hardware che la maggior parte del costo di Razr viene speso su uno schermo POLED (OLED di plastica) da 6,2 pollici.

Questo perchè i display POLED sono più resistenti ma hanno anche un rendimento più basso a fronte di un costo più elevato.

Fonte: iFixIt

Tuttavia, rispetto allo schermo POLED avanzato, le altre configurazioni di Razr assomigliano ai medio gamma del 2018: il processore Snapdragon 710, 6 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione, e grazie alle caratteristiche di piegatura del suo corpo, quindi come altri telefoni a schermo pieghevole, non è resistente all’acqua e alla polvere.

Ma sebbene la configurazione del telefono cellulare non sia attuale, Razr è senza dubbio uno dei telefoni cellulari più raffinati ma più complicati di Motorola.

Quando il telefono viene aperto e chiuso, lo schermo e alcune parti scorreranno leggermente verso l’alto e verso il basso. Attraverso questa immagine di Marques Brownlee, puoi vedere che lo schermo scivolerà nella parte inferiore del telefono quando il coperchio è chiuso e sporgerà quando viene aperto. Potrebbe essere per ridurre la perdita di piegatura dello schermo quando il telefono è aperto e chiuso.

Fonte: iFixIt

Tuttavia, il complicato e denso design interno ha creato molti problemi nello “smantellamento” del dispositivo: Motorola utilizza molta colla per sigillare la cover del telefono.

D’altra parte, quando si rimuovono tutti gli strati, le parti superiori e inferiori spesso hanno una connessione via cavo, quindi quando si rimuove il coperchio, è necessario prima trovare il cavo, rimuoverlo e quindi rimuovere il coperchio.

Fonte: iFixIt

Nella fase di rimozione della batteria, sebbene Razr utilizzi un design a doppia batteria, le due batterie si trovano sulla parte superiore e inferiore del telefono cellulare. La batteria inferiore può essere rimossa solo rimuovendo il coperchio della superficie, ma la batteria superiore è bloccata da altri componenti.

In altre parole, se si desidera sostituire la batteria del Razr in futuro, è necessario rimuovere la maggior parte dell’hardware del telefono per completare la sostituzione di entrambe le batterie, il che aggiunge molte difficoltà alla manutenzione successiva e deve essere gestito da personale di manutenzione professionale.

Quando iFixit ha smontato la parte inferiore del telefono, è stato anche scoperto che alcune parti avevano adesivi sulle loro superfici, il che poteva impedire all’acqua di erodere i componenti, ma fino a un certo punto. Questo comunque non significa che il telefono cellulare sia impermeabile: l’adesivo è solo la misura di base per l’umidità.

Fonte: iFixIt

Dopo aver rimosso una batteria e una scheda madre, iFixit ha finalmente rimosso questo schermo POLED.

Poiché il substrato di POLED è in plastica anziché in vetro OLED, questo schermo è più sottile del 30% rispetto a OLED (dati teorici). Allo stesso tempo, Ha anche un peso più leggero e una maggiore flessibilità.

L’unico problema è che questa schermata non può essere riparata tramite canali di terze parti e può essere sostituita solo dal servizio post-vendita Motorola.

Fortunatamente, Motorola ha anche emesso una politica post-vendita per questa schermata e gli utenti possono sostituire la nuova schermata POLED con $299.

Limitato dallo spazio interno affollato della fusoliera, Razr utilizza una configurazione di batteria grande e piccola, ma nonostante ciò, queste due batterie forniscono solo una capacità di 2510 mAh.

Fonte: iFixIt

Dopo aver rimosso tutte le parti, puoi vedere l’esclusivo design della cerniera pieghevole di Motorola.

Fonte: iFixIt

A differenza di Samsung Galaxy Fold e Huawei Mate X, Razr utilizza una struttura a doppia staffa dinamica per supportare l’apertura e la chiusura dello schermo e la parte cava dell’albero della cerniera per mantenere lo spazio di piegatura dello schermo, in modo da impedire che lo schermo appaia come il Galaxy Fold.

Inoltre, poiché la copertura protettiva viene aggiunta sopra l’ingranaggio della cerniera, lo schermo POLED non verrà danneggiato dallo sporco quando la cerniera è aperta. Sul Galaxy Z Flip di quest’anno, possiamo anche vedere che Samsung ha aggiunto misure protettive alla parte della cerniera e ha aggiunto fibre di nylon al bordo della cerniera per impedire l’invasione della polvere.

Tuttavia, sebbene Motorola abbia risolto il problema delle cerniere e delle pieghe sul Razr, il design cavo lasciava ancora un notevole spazio tra lo schermo e la cerniera. Nel video precedente, la BBC ha sollevato il bordo dello schermo con le unghie, il che indubbiamente lascia uno spazio nella tasca per polvere, detriti di fibre e liquidi per invadere il telefono cellulare.

Tuttavia, a causa dello spazio interno molto limitato del corpo pieghevole, Motorola può impilare le parti di Razr solo in modo denso e complicato, il che lo rende un telefono cellulare difficile da riparare.

Share.

Rispondi