Amazon sta intensificando sempre più la sua rete di consegne. Da un lato rafforza le partnership con i vari corrieri italiani, dall’altro crea una propria rete di spedizionieri così da poter gestire internamente tutta la filiera fino al cliente.

Se però sei anche tu su questa pagina è perché, probabilmente, Amazon ti ha consegnato dei pacchi in ritardo. Ovviamente la colpa non è direttamente di Amazon, ma dei suoi partner affidatari della consegna. Il fatto che però non sia Amazon direttamente a consegnare i pacchi ma dei suoi partner non rende Amazon meno responsabile. Cosa bisogna fare però in caso di pacco in ritardo?

Prime pagato, ma consegna sempre in ritardo?

La prima cosa che devi sapere è che Amazon difficilmente ritarda un pacco di un account che non abbia Amazon Prime. Dovete quindi avere un’iscrizione Prime attiva e valida quando vi viene consegnato il pacco in ritardo.

Se non hai Prime e compri spesso da Amazon ti consiglio vivamente di abbonarti attraverso questo link.

L’iscrizione a Prime ti garantisce spedizioni gratis su milioni di prodotti. Sarai inoltre in grado di vedere Amazon Video e tantissimi altri vantaggi. Vai sulla pagina di Prime per approfondire.

Perché Amazon difficilmente ritarda una consegna non Prime? Perché in maniera del tutto volontaria inserisce un tempo molto più lungo di quanto sia in grado di fare. Questo permette di soddisfare le aspettative del cliente, anticipando le consegne in molti casi e, sopratutto, rispettando i tempi dati al cliente. Con Prime, invece, Amazon inserisce una marea di spedizioni nel minor tempo possibile. Capita di frequente che ordini qualcosa la sera del giorno prima e mi venga recapitato per il pranzo del giorno dopo. Ovviamente se è possibile una consegna in meno di 24 ore è molto più difficile sbagliarne una con almeno 3 giorni di tempo disponibili.

Ho Amazon Prime ed il mio pacco è in ritardo, cosa faccio?

Se hai Prime ed il tuo ordine ha subito dei problemi durante il percorso, questo molto probabilmente non ti verrà consegnato nei tempi previsti. Quasi tutti sono portati ad organizzarsi per ricevere, magari, la consegna il giorno seguente. Ma andiamo per gradi.

  • Il tuo pacco è in ritardo? Come controllare che effettivamente il tuo pacco è in ritardo? Aprendo l’applicazione ufficiale Amazon c’è la voce “i miei ordini”. Selezionando questa voce verranno mostrati tutti i vostri acquisti, dal più recente al più vecchio. Scegliendo il vostro ordine troverete la voce “traccia il mio pacco”. Con questa voce vedrete tutti i passaggi del pacco fino ad arrivare a voi. Trovate la voce dell’ordine e della data, quella di quando verrà spedito e la previsione, in basso, di quando verrà consegnato. Se un ordine dovesse risultare in ritardo, troverete una scritta che vi annuncia che il vostro ordine è, appunto, in ritardo.

Attraverso questa sezione potete organizzarvi per ricevere al meglio la vostra consegna. Trovate il codice di tracciamento postale, scoprite a quale corriere è affidato il vostro ordine e, sopratutto, se non verrà consegnato in quella giornata.

  • Stabilito che il vostro ordine è in ritardo come ci si comporta? Innanzitutto organizzatevi per la consegna il giorno dopo. Solitamente un pacco in ritardo viene consegnato il giorno dopo la previsione. Probabilmente c’è stato un ritardo di uno dei corrieri che ha fatto rimandare la consegna per il giorno stabilito. Ma per averne la sicurezza bisognerà contattare Amazon. Ma come?
  • Come contattare Amazon? Se non lo hai mai fatto, contattare Amazon è davvero molto semplice. Ci sono diversi modi per farlo, attraverso la mail, il numero di telefono ed il servizio chat.

Il numero di telefono da contattare per Amazon è 800145851

Personalmente non consiglio di utilizzare questo tipo metodo di contatto, preferendo l’utilizzo della chat, questo per un motivo preciso, la tracciabilità di ciò che vi viene proposto e detto. In questo modo qualsiasi cosa vi venga detto si potrà trovare scritto nella conversazione. Quindi vi consiglio di dirigervi nella pagina Amazon di contatto, a questo LINK.

In questa pagina troverete i vostri ultimi acquisti, tra cui quello in ritardo. Selezionate il pacco in ritardo e scorrete la pagina verso il basso. Amazon vi guida attraverso 3 step per fornirvi tutte le possibili soluzioni ed evitare il contatto diretto con il customer care, se le soluzioni proposte vi soddisfano. Voi continuate giù selezionando il motivo del contatto.

In questo caso dovete selezionare la voce: “Dov’è il mio ordine?” ed in seguito “ordine spedito – consegna in ritardo”. In questo modo il supporto di assistenza saprà con che prodotto voi state riscontrando problemi ed il motivo del contatto.

Scendendo verso il basso la pagina ci proporrà i metodi di contatto. Scegliamo il metodo chat. In questo modo si aprirà una pagina di chat con un operatore Amazon.

Ho contattato Amazon, ed ora?

Perché contattare Amazon? I motivi potrebbero essere diversi, prima di tutto per sapere quando ci verrà consegnato il pacco ma, sopratutto, se paghiamo Prime è giusto che il nostro prodotto non sia in orario? Assolutamente no! Infatti Amazon ci tiene tanto al suo servizio e visto che negli anni sta costantemente aumentando il prezzo del servizio è giusto pretendere un servizio al TOP.

Attraverso l’assistenza Amazon si conosceranno i motivi del ritardo, il giorno di consegna ma sopratutto si potrà chiedere: Amazon come intende comportarsi verso un cliente che ha pagato un servizio, si è regolato per ricevere la consegna e questa non è arrivata? Ad oggi ogni pacco che mi è stato consegnato in ritardo, contattando l’assistenza Amazon, mi è stato proposto un mese di Prime in regalo. In questo modo Amazon si fa scusare per un inconveniente estendendo il servizio che voi avete pagato per un ulteriore mese. Solitamente gli operatori ad una richiesta di spiegazioni propongono subito questo tipo di accordo per scusarsi, qualora non dovessero farlo non abbiate timore a chiedere voi stessi se si possa ricevere in cambio del ritardo.

Perché Amazon regala Prime?

Perché Amazon regala Prime per consegne in ritardo? I motivi sono diversi ed ovviamente non pensiate che Amazon ci vada a perdere. Prime costa attualmente 36€ all’anno. Non una cifra da poco per un servizio di consegna ma con una serie di vantaggi. Trovate la pagina Amazon che vi illustra tutti i vantaggi, oltre le consegne gratuite ci sono tantissimi altri servizi inclusi. Le motivazioni di questo “regalo” sono varie.

Evitare cause legali, proponendo una conciliazione bonaria di un servizio pagato ma non ricevuto. Aumentare i profitti, un mese aggiuntivo significa un mese in più di compere sul suo e-commerce. Aumentare la soddisfazione cliente, quando abbiamo qualcosa in regalo ci sentiamo più felici. Perdita prossima allo 0, con gli accordi di Amazon vengono stabiliti dei contratti ad inizio anno per la mole di spedizioni che dovrà effettuare, più consegne non hanno un impatto significativo sui costi di Amazon con i propri corrieri.

Come potete notare voi stessi, a fronte di una perdita pressoché nulla, che potrebbe tramutarsi in un guadagno, Amazon ha tanti punti di vantaggio.

Quali limitazioni ci sono?

Le limitazioni di questa proposta sono varie. Il pacco deve essere spedito da Amazon, non per forza venduto. Quindi ordini effettuati sul marketplace da venditori terzi che offrono anche la spedizione non fanno parte di questa politica. Un’altra limitazione sono il numero di mesi di rinnovo possibili in un anno. Se in un anno di Prime dovreste ricevere più di 12 pacchi, e quindi mesi regalati, in ritardo, dopo non potremo riceverne più. Amazon prevede al massimo un anno di Prime in omaggio. Se dovessimo superare un anno di mesi gratuiti i vari operatori inizieranno a proporci compensazioni di 5€ di sconto per i nostri ordini.

Come potete notare Amazon tiene molto a propri clienti ed è riuscita a creare un sistema di soddisfazione che non vada ad impattare in maniera significativa sui propri ricavi.

Avete avuto anche voi esperienze particolari con Amazon? Dateci le vostre esperienze nel box dei commenti, così da condividerle con tutti.

Share.

Rispondi