domenica, Gennaio 20

Qlone – l’app per scansionare e creare modelli 3D dallo smartphone!

0

La creazione di modelli 3D non è un lavoro facile. Richiede non solo costosi scanner, ma anche conoscenze grafiche e software speciali per l’elaborazione. Per questo oggi vi vogliamo parlare di un’applicazione (gratuita!) che ci permette di creare facilmente modelli 3D; basta scansionare qualunque oggetto reale tramite telefono, per poi eventualmente riprodurli tramite una stampante 3d, anche economica come questa:

Installazione e Funzionamento Qlone

1. Download:

La prima cosa da fare, ovviamente, è scaricare e installare l’applicazione Qlone, disponibile sia per Android che per IOS:

2. Stampare foglio per mappatura 3D:

Per poter scansionare oggetti in 3D, Qlone ha bisogno di uno speciale “tappetino” 3D che andrà posizionato sotto l’oggetto. Si tratta di un semplice foglio da stampare come questo:

Direttamente dalla applicazione, apri la barra del menu nell’angolo in alto a sinistra e fai clic su “Get Mat” per visualizzare il foglio da stampare.

Alcune raccomandazioni per la stampa: un normale foglio A4 andrà benissimo, ma la carta non deve essere lucida né stropicciata. Inoltre, la dimensione della mappa 3D può essere regolata in base alle dimensioni dell’oggetto da scansionare.

3. Scansione 3D:

Adesso, inseriamo l’oggetto da scansionare al centro della mappa 3D che abbiamo stampato.
Apriamo la modalità di scansione di Qlone e, puntando la fotocamera verso l’oggetto, apparirà una griglia Augmented Reality a forma di cupola. Basta fare clic sul pulsante cerchio rosso nell’angolo in alto a destra per avviare la scansione.

Noi abbiamo provato a realizzare un modello 3D di una piccola papera gialla:

È sempre meglio scansionare l’oggetto da almeno due angolazioni diverse, e l’applicazione auto-unirà le immagini per un risultato 3D completo.
Dopo aver semplicemente fotografato la nostra paperella, Qlone genererà automaticamente un modello 3D. Durante il processo di scansione, un diagramma schematico dei risultati appare in basso a destra sullo schermo.

Se non riesci a girare bene attorno all’oggetto con il telefono, puoi sistemarlo in una posizione fissa e ruotare il foglio sottostante.

4. Modifica il modello, se necessario:

Qlone offre anche la possibilità di scansionare solamente un lato dell’oggetto e levigare la parte superiore.

Dopo che i risultati della scansione dai diversi angoli sono stati sintetizzati, il modello 3D può anche essere modificato con una serie di semplici strumenti di modifica direttamente dall’app.
Abbiamo armeggiato con gli strumenti a destra, ma eravamo già abbastanza soddisfatti della nostra scansione che è stata creata in meno di 5 minuti!

Dopo aver salvato il modello 3D finale modificato, possiamo vederlo direttamente nella realtà attraverso l’ambiente AR:

Questo era il nostro primo utilizzo di Qlone, ed in poco tempo abbiamo ottenuto un modello che, anche se non perfetto, ci sembra già sufficientemente buono. Dai nostri errori, eccovi aluni consigli:

  • L’oggetto da scansionare deve essere sufficientemente illuminato, e la luminosità dell’oggetto stesso deve essere il più possibile uniforme in tutte le direzioni;
  • Superfici di stampa troppo grandi comportano la perdita dei dettagli del modello; stampate il foglio con dimensioni il più possibile vicine all’oggetto da scansionare.

Inoltre, secondo Qlone, i dispositivi con iOS 11 o versioni successive possono visualizzare ambienti AR direttamente utilizzando ARKit, senza bisogno di stampare il “tappetino”.

5. Salva ed Esporta il modello 3D

Qlone supporta non solo l’esportazione di modelli per immagini, video, animazioni GIF, ecc. Supporta anche l’esportazione in vari formati 3D come SketchFab, Imaterialise e CGTrader.

Tuttavia, alcuni formati 3D (come OBJ o STL) richiedono un costo per l’esportazione.
Interessante anche la possibilità di condividere direttamente il nostro 3D sui social come Facebook o Instagram

Video

Conclusioni

Qlone può elaborare modelli 3D direttamente sul telefono, senza caricare dati nel cloud per l’elaborazione. Vi ricordiamo che un modello 3D è composto da tantissime parti, e maggiore è il numero degli angoli che riusciamo a fotografare, maggiore sarà il numero di dettagli del modello.

Nonostante la nostra papera 3D non sia perfetta, abbiamo trovato Qlone veramente facile da usare; e con un po’ di pazienza, e senza l’acquisto di costose apparecchiature o l’uso di software, siamo sicuri di poter ottenere buoni risultati. 

Unica pecca: alcuni formati per la stampa 3D sono esportabili a pagamento.

Ci possiamo comunque ritenere soddisfatti, e pronti almeno a condividere le nostre foto 3D sui social.

Speriamo che, con l’emergere di ARKit e ARCore che hanno notevolmente ridotto la difficoltà della modellazione, sia sempre più facile trovare ed utilizzare strumenti come questo!

E voi cosa ne pensate? Trovate il nome “Qlone” appropriato? Avete provato questa app?
Fateci sapere, nel box dei commenti in basso

Share.

Rispondi

15585

Un'ultima cosa 😏 

Mi Sconti di Oggi

Macchine del 😴

Ultimi Gadget

Migliori Cloni