La ricarica wireless presto sostituirà fili e prese, ed andrà ad a tecnologie come Bluetooth e WiFi che hanno cambiato drasticamente le comunicazioni. Il principio fisico su cui si basa la ricarica wireless è semplice! Un campo magnetico oscillante prodotto da un avvolgimento trasferisce energia ad un altro avvolgimento, presente ad esempio sul nostro smartphone. La possibilità di trasportare energia elettrica senza l’utilizzo di cavi ha sempre interessato l’uomo. Tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento Tesla aveva già iniziato i suoi esperimenti, ma dovette interromperli per mancanza di fondi. Ultimamente la ricarica wireless è tornata di tendenza e i grandi produttori di telefoni stanno investendo grandi cifre su questa tecnologia.

In questo articolo vediamo come funziona, quali sono gli standard attuali, quali dispositivi sono compatibili e quali sono i migliori caricatori wireless.

Cos’è la ricarica wireless?

La ricarica wireless è il trasferimento di energia elettrica al tuo dispositivo, senza la necessità di un cavo di collegamento. I componenti necessari sono un caricabatterie wireless (pad) e un ricevitore, che può essere anche una custodia collegata o incorporata nel telefono.

Per essere precisi, la ricarica wireless non è propriamente senza fili; il caricatore avrà un cavo che andrà collegato ad una presa di corrente.

Come funziona la ricarica wireless?

La ricarica wireless funziona secondo il principio dell’induzione elettromagnetica. È lo stesso principio alla base delle stufe a induzione che esistono da anni.

Sia il caricatore che il dispositivo ricevente contengono bobine di ricarica wireless. La bobina di trasmissione si trova nel pad di ricarica. Quella di ricezione si trova sul retro del telefono e collegata alla batteria.

La bobina di trasmissione converte l’elettricità ed emette un campo elettromagnetico alternato. Quando la bobina ricevente si trova all’interno di questo campo, trasforma l’energia in una corrente elettrica che viene inviata alla batteria.

ricarica wireless come funziona: bobina di ricezione, bobina di trasmissione

Esistono tre diverse tipologie di ricarica wireless che si distinguono per la distanza a cui possono funzionare e la loro efficienza. Andiamo ad analizzare i loro limiti di utilizzo e le loro potenzialità.

Potrebbe interessarti anche: Quanto è efficiente la ricarica wireless nelle power bank?

3 diversi tipi di ricarica wireless

  1. Il primo tipo è la ricarica wireless induttiva.
    Per poter funzionare l’avvolgimento sul dispositivo da caricare e quello sul caricatore devono essere vicini tra loro, al massimo una decina di millimetri. La maggior parte dei produttori di smartphone ha aderito allo standard Qi. Però non lasciamoci ingannare dai numeri, perché la velocità di ricarica è comunque più lenta della corrispettiva ricarica con filo. L’unico problema rimane il corretto posizionamento del telefono sulla base. Per aumentare l’efficienza gli avvolgimenti devono essere allineati e pertanto sono i produttori che devono aiutare gli utenti con delle linee di riferimento per appoggiare il dispositivo.
  2. La ricarica wireless risonante, introdotta anche nello standard Qi, risolve il problema dell’allineamento tra trasmettitore e ricevitore. Il principio di funzionamento è sempre lo stesso: un campo magnetico oscillante prodotto nel trasmettitore viene indotto nell’avvolgimento del ricevitore. La novità introdotta da questa tecnologia è che i due avvolgimenti devono lavorare alla loro frequenza di risonanza (intorno ai 6Mhz) per migliorare l’efficienza di trasmissione di energia. La distanza tra i due avvolgimenti resta comunque bassa, entro i pochi millimetri, ma l’energia può essere trasferita da un trasmettitore a più ricevitori.
ricarica wireless

3. L’ultima tipologia che andiamo a presentare è la ricarica wireless a radio frequenza. Non è stata ancora commercializzata, ma è in via di sviluppo e probabilmente dovremo aspettare molti anni prima di vederla. In questo scenario futuristico non dovremo più appoggiare lo smartphone su una stazione di ricarica, ma dei trasmettitori posti nella stanza andranno a ricaricare il telefono mentre lo teniamo in tasca. Il trasmettitore lancia un debole segnale a radio frequenza e il ricevitore lo converte in energia. Il più grande vantaggio è la distanza a cui può trasmettere, anche una decina di metri. Tuttavia ancora ci sono problemi di efficienza e di salute per le radiazioni a cui il corpo umano sarebbe sottoposto.

Che cos’è lo standard Qi?

Lo standard Qi (pronunciato “chi”) prende il nome dal concetto cinese del flusso di energia vitale che attraversa ogni essere vivente.

Viene impostato dal Wireless Power Consortium (WPC), un consorzio tecnologico multinazionale creato per promuovere l’adozione degli standard standard di interfaccia Qi, Ki Cordless Kitchen e Qi Medium Power per la ricarica induttiva.

Lo standard Qi definisce varie specifiche di alimentazione che corrispondono alla quantità di energia che scorre tra il caricatore e il dispositivo. Qi include anche una specifica di trasferimento dati che consente al dispositivo di richiedere la quantità ottimale di energia dal caricabatterie wireless.

La specifica Baseline Power Profile (BPP) supporta fino a 5 W di potenza in uscita. La specifica Extended Power Profile (EPP) supporta fino a 15 W. Sia BPP che EPP vengono utilizzati per caricare i dispositivi mobili, ma EPP è più avanzato grazie al supporto per la ricarica rapida.

Lo standard Qi include anche una specifica di potenza media che attualmente fornisce 30-65 W (si prevede che alla fine supporti fino a 200 W). Questa specifica viene utilizzata per dispositivi più grandi come elettrodomestici da cucina, aspirapolvere robot, utensili elettrici e droni.

Ricarica rapida con Qi

I dispositivi per la ricarica wireless degli smartphone utilizzano BPP (5W massimo) o EPP (15W massimo); visto che i prodotti EPP emettono più potenza, si potrebbe pensare che un caricabatterie EPP porterà automaticamente a una ricarica più rapida. Ma non è necessariamente così.

Quando si tratta di velocità di ricarica, la capacità del tuo smartphone di ricevere energia è il fattore limitante. Il tuo dispositivo deve essere in grado di ricevere 7W di potenza per la ricarica wireless rapida, indipendentemente dal tipo di caricabatterie che utilizzi.

La capacità del telefono di ricevere potenza in uscita è predeterminata dal produttore. Ad esempio, ecco le specifiche per alcuni dei principali marchi:

  • Apple: 7,5 W.
  • Samsung: 9 W.
  • LG: 10 W.
  • Google: 10 W.

Anche se il telefono e il caricabatterie supportano entrambi la ricarica rapida, la scelta degli accessori sbagliati può comunque rallentarti. Sia il cavo che l’adattatore a muro devono essere in grado di ricevere una potenza sufficiente. Ad esempio, se hai una base di ricarica da 10W collegata a un caricatore da parete da 5W, il tuo dispositivo si caricherà solo a 5W, quindi non avrai i vantaggi della ricarica rapida.

Assicurati che il tuo smartphone, il cavo e il caricatore a muro supportino tutti una potenza sufficiente per consentire la ricarica wireless rapida. Ecco un esempio di una configurazione che funziona:

  • Caricatore da muro USB-C (10 W)
  • Cavo da USB-C a USB-C
  • Base di ricarica (10 W)

Come scegliere un caricabatterie wireless

Da quando Apple ha iniziato a includere la ricarica wireless, i produttori di accessori ne hanno rilasciati molti modelli diversi.
È un mercato competitivo, ma questi sono i principali brand di caricatori wireless:

Tipi di caricatori wireless

I pad rotondi sono molto comuni, ma i caricabatterie wireless sono disponibili anche in molti altri formati. I materiali vanno dalla plastica alla pelle fino al tessuto. Fortunatamente, nessuna di queste superfici dovrebbe riscaldarsi troppo, grazie alla tecnologia Qi. La ricarica wireless, infatti, genera un po’ di calore data la natura conduttiva del design. È normale che il telefono si scaldi un po’ ed è possibile che il pad di ricarica stesso emetta calore. Tieni presente che ci sono molte protezioni nel caricabatterie per prevenire danni o surriscaldamento.

La maggior parte dei caricabatterie wireless funziona anche sui telefoni con cover, purchè sottile o compatibile qi. Parliamo, in genere, di spessori che non superano i 3-5 millimetri. Una breve nota sull’allineamento: affinché il caricabatterie wireless inizi a caricare il tuo smartphone abilitato Qi, devi assicurarti che le bobine siano allineate. Per questo Apple ha introdotto la tecnologia MagSafe, che utilizza magneti per garantire il corretto allineamento e aumenta la velocità di ricarica fino a 15 watt.

Caricatori Apple e Samsung

Apple includeva un caricabatterie da 5 watt con ogni iPhone (l’iPhone SE ne ha ancora uno incluso), che è il più lento nell’erogazione di energia. Samsung, invece, include un caricatore rapido nella confezione con la maggior parte dei suoi smartphone. Uno di questi può probabilmente caricare completamente il telefono durante la notte, ma ci sono modi per ottenere una ricarica più rapida e semplice senza il fastidio di collegare il cavo. Dovrai eseguire l’upgrade a un caricabatterie Apple da 20 watt (su Amazon) per iPhone o a un prodotto di terze parti, come il caricabatterie Anker Nano 20W (Amazon), per ottenerli velocemente -velocità di ricarica.

Migliori Caricabatterie Wireless

Abbiamo raccolto una selezione di caricabatterie wireless per aiutarti a rendere la tua decisione un po’ più semplice. Abbiamo incluso molti modelli diversi, dalle “charging station” per caricare tutti i tuoi dispositivi in ​​un unico posto, alle custodie o power bank per tenerti carico mentre sei in movimento; fino ai supporti wireless per caricare il tuo telefono durante lo streaming, o in auto.

Ci sono molti caricabatterie wireless sul mercato, quindi abbiamo scelto opzioni da marchi che conosciamo e di cui ci fidiamo.

Belkin BoostUp: Supporto per ricarica wireless

Belkin BoostUP 10W è in plastica lucida con gomma opaca e superficie di ricarica piatta, e supporti per tenere il telefono in posizione. I materiali sembrano di buona fattura e, in nero, sembra un po’ più raffinato dei soliti caricabatterie wireless economici.

Se preferisci i pad o i supporti dipende dal tuo gusto personale, ma personalmente preferisco tenere lo smartphone in posizione verticale per controllare l’ora e scorrere le notifiche. Purtroppo Belink BoostUp carica solo i telefoni, niente smartwatch o tablet.

Belkin BoostUp

Dock di ricarica wireless Qi 3 in 1 alimentato Logitech

Il Dock Logitech Powered 3-in-1 è il miglior caricabatterie wireless per chi deve caricare un iPhone, AirPods o AirPods Pro e un Apple Watch. Questo dispositivo supporta tutti e tre in una volta, quindi puoi semplicemente appoggiarli sul dock e iniziare a caricarli.

Il dock 3-in-1 alimentato supporta la ricarica rapida da 7,5 W per iPhone e la ricarica wireless da 10 W per telefoni Android. Il design complessivo è più ingombrante rispetto ad altri caricabatterie wireless, ma non occupa molto spazio su un comodino ed elimina la necessità di tre caricatori separati.

Dock Qi 3in1 Logitech

AUKEY Caricatore Wireless 10W

Questo caricabatterie wireless Aukey può ricaricare i telefoni compatibili con la sua massima potenza di 10W, a patto che si usi un caricatore a muro Quick Charge 2.0 o 3.0 (non in dotazione). Gli iPhone dovranno accontentarsi di 7,5W, che è comunque più veloce del caricabatterie cablato da 5W che viene fornito gli iPhone.

Ha un design a tre bobine, che significa che non devi preoccuparti di come posizionare il telefono sul pad. È rivestito in TPU morbido, per non far scivolare neanche il tuo telefono in vetro.

AUKEY Caricatore Qi

Potrebbe interessarti anche: Aukey HD-C52: supporto auto per smartphone con caricatore wireless

Anker PowerWave 10W Stand

La ricarica wireless non deve essere complicata o costosa e il supporto Anker da 10W è un modello economico e senza tanti fronzoli. In un test di 30 minuti, l’Anker 10W ha ricaricato un iPhone XS Max del 15%; non impressionante, ma data la batteria da 3.174 mAh dell’XS Max, probabilmente ricaricherebbe la batteria più piccola di iPhone 8 molto più velocemente. I telefoni Android con ricarica wireless andranno meglio: un Samsung Galaxy Note 10 dovrebbe caricarsi del 28% nello stesso tempo.

Anker PowerWave Stand

CHOETECH Caricatore Wireless 10W

Abbiamo avuto modo di provare molti prodotti Choetech, un’azienda cinese specializzata in accessori. E anche questo caricatore wireless non ci ha delusi. Ha tre diverse modalità di ricarica per coprire tutti i dispositivi:

  • 7.5w ricarica rapida wireless per iphone
  • 10w per i samsung
  • ricarica standard a 5w per tutti i dispositivi abilitati qi

Questo caricatore wireless è dotato di protezione da sovratensione, controllo della temperatura, protezione da sovratensione, prevenzione dai cortocircuiti ecc… Il caricatore Choetech è una delle opzioni più economiche sul mercato, con un ottimo rapporto qualità/prezzo:

CHOETECH Caricatore Wireless

Potrebbe interessarti anche:

Quali sono i vantaggi della ricarica wireless?

  1. Meno disordine. Il vantaggio principale della ricarica wireless sta proprio nel nome: wireless ovvero senza fili. L’unico cavo di cui avrai bisogno è il cavo di alimentazione del pad di ricarica.
  2. Ricarica più semplice. La ricarica wireless elimina anche la necessità di collegare un cavo al telefono. Hai mai messo in carica il telefono per poi scoprire ore dopo che era ancora spento perchè non avevi messo bene il cavo? La ricarica wireless elimina questo problema. Posiziona il telefono sulla base di ricarica e inizierà a caricarsi immediatamente.
  3. Nessun problema di compatibilità dei cavi. Nessun cavo di ricarica significa anche che puoi dire addio a cavi Lightning, USB-C o Micro USB. Tutti i dispositivi Qi funzionano su tutti i pad di ricarica Qi.
  4. Meno rifiuti elettronici. L’attuale mancanza di uno standard di ricarica cablato comune porta a un’enorme quantità di rifiuti elettronici non necessari. L’adozione diffusa della ricarica wireless potrebbe aiutare a risolvere questo problema.

La ricarica wireless danneggia la batteria?

Le batterie che troviamo nei nostri cellulari sono tutte a ioni di litio e ormai sono una tecnologia consolidata e affidabile. Resta ancora molta confusione su come preservare la loro durata. Su internet si trova chi dice che la ricarica wireless è innocua e chi la condanna perché danneggia la batteria. Alcuni sostengono che la batteria va scaricata fino allo 0% e bisogna subito scollegarla quando raggiunge il 100%.

Per garantire la vita più lunga possibile alla nostra batteria, la carica non dovrebbe mai scendere al di sotto del 20%-30%. D’altra parte una batteria a ioni di litio non dovrebbe mai essere caricata oltre il 100% perché potrebbe danneggiarsi. Ma questo non è un problema di cui dobbiamo preoccuparci perchè in tutti i dispositivi sono presenti circuiti di protezione per evitare il sovraccarico.

Anche i caricatori wireless sono intelligenti e comunicano con il dispositivo da caricare attraverso un proprio protocollo. Innanzitutto se il caricatore appartiene allo standard Qi, verifica che il dispositivo sia compatibile. Infatti esistono in commercio dispositivi che si appoggiano ad altri standard come A4WP e PMA. Dopodichè trasmettitore e ricevitore si accordano sulla potenza da trasmettere. Quando il dispositivo è carico oppure è stato tolto dalla base di ricarica, il caricatore wireless entra in modalità di stand-by e smette di irradiare energia.

Per adesso la ricarica wireless non avrebbe punti a suo sfavore, se non per il calore dissipato. Trasmettitore e ricevitore altro non sono che “gomitoli di rame” e si scaldano facilmente quando sono attraversati da corrente. Le batterie a ioni di litio sono molto sensibili alle alte temperature e si danneggiano più facilmente se vengono scaldate eccessivamente. A causa di questo problema nella ricarica wireless le potenze in gioco sono ancora limitate rispetto a quelle raggiungibili via cavo.

Domande Frequenti sulla ricarica wireless

Come faccio a sapere se il mio telefono ha la ricarica wireless?

Sul sito ufficiale Wireless Power Consortium trovi l’elenco di tutti i telefoni che possono utilizzare la ricarica wireless.

Posso avere la ricarica wireless in auto?

Molte case automobilistiche hanno la ricarica wireless in alcuni modelli, ma spesso non è standard e tende ad essere sui modelli più in alti nella gamma. I produttori che lo utilizzano includono Audi (e il resto del gruppo WV), BMW, Ford, Honda, Mercedes-Benz, Peugeot, Toyota e Volvo.
Puoi anche avere la ricarica wireless in macchina con un caricatore wireless con supporto auto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui