Sonoff Dual – Guida all’uso dei pulsanti

0

Dato il vostro grande interesse per la versione basic del Sonff abbiamo deciso di creare una guida ad hoc anche per la versione dual. La particolarità della nostra guida per la versione basic consisteva nel non perdere la possibilità del tasto fisico, effettuando una piccola modifica hardware. Oggi scopriremo come utilizzare la versione a due pulsanti e come utilizzare anche i pulsanti fisici.

Articolo Suggerito: Sonoff, comandiamo le nostre luci di casa da smartphone..

Come già detto, nella guida precedente, le condizioni di utilizzo di questo dispositivo possono essere varie. Si può decidere di collegare punti luce come prese di corrente. In teoria si può collegare qualsiasi cosa che abbia una fase ed un neutro. Questi infatti partiranno dal nostro impianto e passando per il Sonoff arriveranno al dispositivo da comandare.

Sonoff Dual, com’è fatto?

Rispetto alla controparte basic, Sonoff dual aumenta le proprie dimensioni rendendo difficile inserirlo comodamente in una cassetta da muro. Forzando un po’ ci si può riuscire in una scatola da muro da 503 e in una 504 potrebbe essere molto più semplice (sempre a patto di rimuoverlo dalla copertura in plastica). Prestate la massima attenzione. Se avete la possibilità di poterlo inserire in una scatola di derivazione molto meglio.

La scatola di plastica ha dimensioni generose, forse si potrebbe fare qualcosa in più per poterlo incassare più facilmente, considerando che altri marchi hanno ridotto di molto le dimensioni. Aprendo la scatola si nota come siano presenti due led che indicano il funzionamento di una o dell’altra “porta” ed è presente anche un unico tasto che rende controllabile in manuale il dispositivo.

In uno dei lati corti sono presenti i plug per poter incastrare i vari cavi della corrente. Potete notare come siano ben separati i vari ingressi. Partendo da destra a sinistra troviamo il foro per la fase, i tre ingressi per il neutro e gli ultimi due per la fase in uscita da collegare alla presa o alla lampadina.

Nel dettaglio troviamo quattro fori identificati dalla sigla “GND”, “BUTTON 0” e “BUTTON 1”. A differenza del Sonoff basic su questo modello è già prevista la possibilità di collegare due interruttori effettuando una saldatura su scheda madre.

Sonoff collegamento all’impianto elettrico

ATTENZIONE!
Prestate la massima attenzione da ora poiché interagiremo con l’impianto elettrico di casa! – Assicuratevi di aver tolto l’alimentazione dal pannello generale di casa.
– Assicuriamoci più volte che non ci sia corrente
– Procediamo con attenzione, se abbiamo qualche dubbio o non ci sentiamo in grado facciamo affidamento ad un elettricista.
– Fate attenzione! Con l’elettricità non si scherza!


Come nella guida precedente bisognerà momentaneamente mettere da parte il dispositivo ed effettuare l’operazione vicino la zona degli interruttori. Togliamo la placchetta e svitiamo il tutto per trovaci davanti i fili elettrici.

Nella foto in alto vediamo come i fili che salgano siano tre, probabilmente potreste trovarne di più se vorrete effettuare il collegamento per accendere due luci. Se l’impianto è fatto in maniera corretta il filo nero indica la fase (potrebbe essere anche marrone se l’impianto è vecchio), il filo blu è il neutro e quello giallo e verde è la messa a terra.

Sul Sonoff prendiamo 4 fili da dover invece saldare alla scheda elettronica. Se abbiamo problemi con le saldature possiamo usare anche dei PIN maschi da inserire nei fori. In caso contrario non bisogna far altro che inserire il filo (leggermente già stagnato) in uno dei quattro fori e poi dare un altro punto di saldatura per farlo bloccare. Facciamo lo stesso per tutti e quattro i fori, in questo modo avremo i vari collegamenti per i pulsanti da collegare. Non tagliamo i fili troppo corti, perché meglio trovarseli più lunghi e poi tagliarli che dover dissaldare tutto perché ci rendiamo conto che sono troppo corti. Altro piccolo suggerimento, usate lo stesso colore per GND e BUTTON 0 e un colore diverso per l’altro GND e BUTTON 1. Questo perchè GND e BUTTON 0 serviranno per un pulsante e GND e BUTTON 1 per l’altro.

Nell’impianto elettrico invece dovremo, probabilmente, tagliare la fase (filo nero) e collegarlo al primo foro a destra sul Sonoff. Premiamo verso il basso il pezzettino di plastica sopra il foro, in questo modo il filo della fase può entrare e bloccarsi sulla scheda elettronica. Lo stesso andrà fatto con i fili del neutro (blu) inseriamolo nel secondo foro (partendo sempre da destra verso sinistra). Negli altri due fori del neutro andranno collegati i fili delle due luci ed e negli ultimi due invece i due fili per la fase delle luci in uscita sul Sonoff. Da notare che per ogni entrata ci dovrà essere un’uscita e che le entrate sono nella parte destra mentre le uscite nella parte sinistra. Fate attenzione a non danneggiare i fili che abbiamo saldato.

Non ci resta che prendere i fili saldati e inserire i fili dello stesso colore (che si saldano sui fori GND e BUTTON 0) e collegarli al primo pulsante. Fare poi lo stesso con gli altri due fili collegati a GND e BUTTON 1 e collegarli al secondo pulsante. Prestate attenzione e date corrente al pannello elettrico staccato in precedenza e assicuriamoci che ogni filo non entri in contatto con l’altro e che tutti i fili siano ben saldi nelle loro postazioni. Una volta alimentato il tutto dovrebbe essere possibile premere il pulsante e dare alimentazione alla luce accendendola. Se tutto funziona correttamente togliamo nuovamente corrente dal pannello elettrico di casa e posizioniamo in maniera stabile e fissa il Sonoff Dual nella cassetta o nella derivazione. Riposizioniamo tutto al proprio posto, compreso i pulsanti. Diamo corrente alla casa e passiamo alla fase successiva.

Applicazione Sonoff

Per quanto riguarda la configurazione dell’applicazione Sonoff, vi consiglio di passare alla guida postata in alto del Sonoff Basic. In maniera molto veloce vi indico che bisognerà scaricare l’applicazione ufficiale al link per il relativo store.

Registratevi se non lo avete già fatto e avviate la procedura di collegamento del dispositivo. Quando bisognerà premere il tasto per 5 secondi fino a che non lampeggerà il LED potremo tranquillamente premere uno dei due pulsanti collegati e attendere che il dispositivo vada in modalità pairing.

Sonoff e Assistenti virtuali

Ovviamente è comodo avere la possibilità di poter comandare attraverso il proprio smartphone eventuali luci che abbiamo a casa. Vuoi perché siamo usciti di corsa e le abbiamo dimenticate accese o magari per trovare già alcune luci accese al nostro ritorno sicuramente il controllo a distanza non fa altro che facilitare le cose. La vera utilità di questi accessori si vede però quando possono essere comandati dagli assistenti virtuali. Fortunatamente il Sonoff è utilizzabile tranquillamente sia attraverso Google Assistant che attraverso Amazon Alexa. La comodità di poter accendere o spegnere le luci di casa attraverso la voce è qualcosa di difficile spiegazione. Nei mesi passati mi sono trovato in tante situazioni in cui richiedere al mio assistente di dovermi spegnere una luce piuttosto che termoventilatore. Mi sto pian piano sempre più abituando all’idea di questi assistenti e dispositivi come questi aiutano a domotizzare la propria casa a basso costo.

Seguite le nostre guide e le nostre recensioni per ulteriori dispositivi di domotica e magari proponetecene direttamente voi alcuni da provare. Come sempre il box dei commenti è vostro per eventuali domande o dubbi.

18,60€
24,90
disponibile
2 nuovo da 16,91€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il Giugno 19, 2019 4:55 am
Share.

Rispondi