Quasi 1/3 delle caselle di posta elettronica sono Gmail dove è facile cliccare su “spam” per far finire in eterno un mittente all’interno della casella di posta elettronica. Molti di noi tuttavia utilizzano Outlook o Mail o Thunderbird per tenere le email organizzate e lo spam continua a rimanere invasivo. Ma come mandare un chiaro messaggio che la nostra casella deve essere pulita? In questo articolo una mini-guida per gli interessati.

Prima di procedere alla guida, un paio di delucidazioni, fare email marketing è già molto difficile:

  • Nell’industria lo spam da un mittente è tollerato tra 0,1% e 0,5% (prima di creare problemi di affidabilità per il mittente)
  • Un soft-bounce arriva invece fino all’1,5% (messaggi che rimbalzano per casella non funzionante o piena)
  • Messaggi ripetitivi senza tasto “unsubscribe” sono visti male in partenza

Se nonostante questo, continui a vedere accanimento contro di te; puoi provare con SpamCop

Cosa è e chi è SpamCop

SpamCop determina l’origine delle e-mail indesiderate e le segnala ai provider di servizi Internet pertinenti. Segnalando lo spam, hai un impatto positivo sul problema. La segnalazione di e-mail non richieste aiuta anche ad alimentare i sistemi di filtraggio dello spam, incluso, ma non limitato a, il servizio di SpamCop.

SpamCop è un servizio offerto da Cisco, il più grande produttore di Hardware per le reti al mondo. Utilizzando qualsiasi servizio internet, è altamente probabile che la tua connessione passi attraverso un router o uno switch di rete costruito da loro.

SpamCop è in grado di processare il tuo spam e di segnalarlo agli ISP con un rapporto molto dettagliato che darà molto fastidio al mittente incriminato.

Come funziona SpamCop?

Semplice:

  1. vai su spamcop.net (servizio gratuito) e crea un account
  2. verifica la tua email su SpamCop
  3. Fai login su SpamCop e ottieni la mail per le segnalazioni
  4. Segnala i cattivi

La grafica di questo servizio è molto vecchia ma ti posso assicurare che il servizio è gratuito ed eccellente.

Quindi, una volta che ricevi un messaggio altamente indesiderato, salva il messaggio sul tuo computer:

Poi trascina il tuo messaggio all’interno di un nuovo messaggio e inoltralo alla email di SpamCop di riferimento generata per te:

Inviato il messaggio, a distanza di pochi minuti riceverai una mail di conferma da SpamCop dove vedrai l’ISP del mittente e un link per confermare la tua richiesta di segnalazione.

Il tuo lavoro è fatto!

Poi cosa succede al mittente?

SpamCop invierà un rapporto di spam all’ISP e all’hosting del mittente che saranno costretti a prendere provvedimenti (troppe segnalazioni senza interventi causeranno una grande perdita di reputazione per gli indirizzi IP del provider che offre servizio)

Qualche anno fa l’azienda di eCommerce per la quale lavoravo ha ricevuto una singola segnalazione che stava per mettere a rischio i mail server utilizzati da 400+ colleghi che lavoravano insieme a me. Il provider pur di proteggere la propria reputazione stava per spegnerci un mail server da migliaia di euro al mese, ecco il rapporto:

Per un solo rapporto con SpamCop, l’azienda ha capito che non poteva tirare troppo la corda con le email di Spam.

Utilizzando questo servizio contro un’agenzia che mi riempiva la casella di posta senza opzione di opt-out, in un paio di giorni li ho costretti ad inserire un link per permettermi la cancellazione:

Che sia chiaro, non lo ho fatto per cattiveria, ma fai business senza rispettare le regole, finirai con il pagarne le conseguenze.

Le regole nell’email marketing sono molto chiare, non puoi mandarmi una newsletter senza aver ricevuto il mio consenso e anche in quel caso non puù mancare il tasto “unsubscribe” in ogni singola email. Se tu mittente mi aggiungi a una lista senza il mio permesso – SpamCop verrà a bussarti alla porta!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui