domenica, dicembre 9

Configurare lampadine Yeelight con Google Home – Guida

2

Abbiamo avuto modo di scoprire cosa è e come funziona Google Home.
Per chi non lo sapesse, Google Home è l’assistente casalingo di Google. Uno speaker dotato di funzioni smart, grazie al collegamento con l’assistente virtuale di Google. Attraverso questo Speaker si avrà la possibilità di fare domande a Google, chiedere di interfacciarsi con gli accessori di domotica dentro casa. Ovviamente si potrà ascoltare anche la musica; lo speaker infatti ha la possibilità di gestire il proprio account di Spotify, Apple Music e Google Play Music. Capirete come le possibilità di Google Home si espandono in maniera esponenziale al moltiplicarsi dei nostri dispositivi di domotica controllabili.

“Recensione e Configurazione Google Home, l’assistente di BigG a casa”

Comprenderete bene quanto il solo Google Home non basti per rendere la sua esperienza appagante e quindi più coinvolgente. La cosa più semplice ed immediata per controllare, attraverso la voce, alcuni elementi smart è l’acquisto di lampadine. Con dispositivi sempre più intelligenti e controllabili dai nostri smartphone i prezzi iniziano ad abbassarsi.

Le lampadine più famose sono le Philips Hue. Noi abbiamo però recensito delle lampadine particolarmente economiche, dall’elevata qualità costruttiva e dal prezzo particolarmente competitivo. Si tratta delle lampadine Yeelight, una controllata di Xiaomi. Queste lampadine si caratterizzano per un design moderno, dimensioni contenute e, a differenza delle Philips, non necessitano di un Gateway per funzionare. Basti pensare che uno starter Kit della Philips (che comprende 2 lampadine bianche ed un hub) costa circa 80€ oggi su Amazon, mentre due lampadine Yeelight, sempre su Amazon, costano circa 40€ (quelle RGB) che scendono a 28€ con promo sui siti cinesi.

Lampadine Yeelight Xiaomi – recensione”

Una volta in nostro possesso il Google Home e le lampadine Yeelight come configurarle? Scopriamolo insieme con la nostra semplice guida passo passo.

Configuriamo le lampadine in Google Assistant

Iniziamo scaricando, se non lo abbiamo già fatto, dal nostro smartphone l’applicazione Assistente Google.

Avviamo Assistente Google e premiamo sull’icona in alto a destra. In questo modo potremo entrare all’interno dell’app ed aprire il menu impostazioni.

Scegliamo “Impostazioni” in alto a destra così da entrare nel menu d’impostazioni dell’assistente Google.

Nelle impostazioni possiamo vedere tutte le cose che è possibile configurare. Come la musica, le notizie ed il “Controllo Casa”, l’opzione che ci interessa.

Qui avete la lista di tutti gli accessori già configurati, mentre premendo sul tasto circolare blu, in basso a destra, ne potrete inserire altri.

 

Come potete vedere qui troverete la lista di tutti i brand compatibili. Sono tanti e in continua espansione. Per quanto riguarda le lampadine, non dovremo far altro che scendere in basso e trovare la voce Yeelight e selezionarla. Una volta selezionata si aprirà una schermata di accesso dove verranno richiesti i nostri dati di accesso Xiaomi.

Una volta inseriti i nostri dati d’accesso l’account sarà configurato nel servizio di Assistente Google. L’applicazione ci mostrerà quindi tutte le lampadine configurate con il nostro account e ci chiederà se vogliamo selezionare le stanze per ogni lampadina.

Al termine di questa operazione bisognerà fare in modo che il nostro Google  Home aggiorni i i dispositivi da lui controllabili. Questa operazione avviene in autonomia ,a se vogliamo utilizzarli subito bisognerà dare il comando al Google Home.

“Ehy Google! Aggiorna dispositivi”

Il comando qui sopra farà in modo che il nostro Google Home aggiorni i dispositivi controllabili e disponibili. Al termine del comando lo speaker dovrebbe confermarci l’operazione rispondendoci con “Sincronizzazzione di Yeelight”. Da ora potremo richiedere al nostro Assistente di accendere o spegnere una lampadina o di aumentare e diminuire la luminosità.

Ricordate che il nome delle lampadine sarà quello che abbiamo dato nella app di Yeelight. Prestiamo quindi attenzione a dare un nome facilmente memorizzabile e richiamabile a voce. Per comandare le lampadine i comandi da dare al nostro assistente si compongono in questo modo.

Come potete osservare le frasi sono semplici e sono in un linguaggio quotidiano. Si può formulare anche in altri modi, ad esempio si potrebbe dire: “imposta luce cucina a 50%”, e l’assistente capirà la nostra richiesta.

Abbiamo quindi eseguito la configurazione delle nostre lampadine Yeelight con il Google Home. Possiamo ora accendere e spegnere le nostre lampadine semplicemente richiedendo al nostro assistente. Ovviamente questo tipo di guida è applicabile a tanti altri dispositivi, basterà semplicemente selezionare il marchio apposito o prestare attenzione che la lampadina sia compatibile con Google Assistant.

Per eventuali domande o dubbi utilizzate il box dei commenti in basso.

22,49€
34,99
disponibile
5 nuovo da 22,00€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il dicembre 8, 2018 8:58 pm
Share.

2 commenti

  1. Ho eseguito esattamente tutti i passaggi di configurazione, ma alla fine selezionando il logo yeelight per aggiungere come dispositivo la mia yeelight Smart bulb color, mi dice solo che ha associato l’account yeelight ma di fatto non vede nessun nuovo dispositivo

    • Nella app Yeelight assicurati di aver abilitato l’utilizzo di app di terze parti.
      App Yeelight
      Device (in basso a destra)
      seleziona la lampadina (dovrai farlo per tutte)
      in basso a destra c’è un triangolo con una linea sotto
      LAN control ed abiliti

Rispondi

15585

Un'ultima cosa 😏 

Mi Sconti di Oggi

Macchine del 😴

Ultimi Gadget

Migliori Cloni