Foxconn (il fornitore Apple) sta discutendo con FIAT una partnership sulle auto elettriche in Cina

0

Foxconn Technology Group è un nome ben noto nel settore degli smartphone. Il colosso taiwanese è un fornitore primario di Apple per i suoi iPhone e per sua estensione uno dei maggiori produttori di smartphone a contratto al mondo.

Tuttavia, sembra che la società di elettronica non sia basata esclusivamente sugli smartphone in quanto sta discutendo una joint venture con Fiat Chrysler (il colosso automobilistico) per costruire auto elettriche in Cina.

La presentazione di questo considerevole impegno è stata archiviata nel China Observation Post System (MOPS) della Cina, che specifica che entrambe le società detengono equamente il 50 percento dell’impresa.

L’obiettivo principale di questa joint venture è la produzione di veicoli elettrici in Cina e l’avvio di un IOV. Questo significa Internet of Vehicles (dopo i dispositivi IoT o Internet of Things) coniato dalla casa madre della Foxconn.

Inizialmente, Fiat Chrysler e Foxconn punteranno alla produzione di massa di veicoli elettrici in Cina e si espanderanno sui mercati esteri con focus nel sud-est asiatico.

Sembra una mossa molto pratica dal punto di vista dell’industria automobilistica in quanto la Cina è il più grande mercato di veicoli elettrici al mondo. In particolare, la joint venture mira a sviluppare veicoli elettrici da zero. In altre parole, non stanno pianificando di trasformare semplicemente le offerte Fiat esistenti in versioni elettriche.

Foxconn

La collaborazione con Foxconn aiuterà anche Fiat a guadagnare una solida base nel mercato cinese. In precedenza, il produttore di smartphone a contratto aveva investito in imprese che si occupavano di veicoli elettrici, ma questo sarà il primo in quanto la società svilupperà e produrrà i propri prodotti. Un buon esempio di investimenti passati è Byton, una startup di veicoli elettrici. Questo è iniziato come Future Mobility Corporation, che era una joint venture tra Harmony Auto, Foxconn, Tencent e ora anche Xiaomi come investitore strategico.

Share.

Rispondi