L’Ufficio federale tedesco per la protezione dalle radiazioni (Bundesamt für Strahlenschutz) dispone di una banca dati completa del livello di radiazioni emesso da ogni telefono in commercio. I dati sono stati divisi da Statista in due liste: i telefoni con la più alta emissione e quelli con le emissioni più basse, ciascuna comprendente 16 modelli.

Mentre gli smartphone che emettono più radiazioni sono Xiaomi e OnePlus (e iPhone al nono post), i telefoni Samsung rientrano nella gamma con meno radiazioni. In particolare, Samsung Galaxy Note 8 e ZTE Axon Elite sono i telefoni con la più bassa emissione di radiazioni, con un tasso di assorbimento specifico (SAR) di 0,17 watt per chilogrammo.

Telefoni con la più alta emissione di radiazioni

Questo l’elenco degli smartphone che emettono più radiazioni, in base al tasso specifico di assorbimento misurato in Watt per Kg:

Xiaomi e OnePlus sono i cellulari che emettono più radiazioni, con ben otto modelli sui 16 totali. Attenzione, però: l’elenco include anche l’iPhone 7 con un tasso di assorbimento di 1,38 watts per chilogrammo – proprio come OnePlus 5 con 1,39 watts per chilogrammo di assorbimento specifico.

Telefoni con la più bassa emissione di radiazioni

La lista dei telefoni che emettono il minor numero di radiazioni comprende principalmente modelli Samsung, tra cui Galaxy Note 8, Galaxy A8 (2018), Galaxy S8 +, Galaxy S7 Edge e Galaxy S9 +. Ma anche modelli come ZTE Axon Elite, LG G7 ThinQ, HTC U11 Life e Moto G5 Plus, emettono poche radiazioni:

Mi devo preoccupare?

Come osserva Martin Armstrong di Statista, non esistono linee guida internazionali sul livello “sicuro” di radiazione del telefono. Anche gli studi sulla pericolosità delle radiazioni da smartphone sono inconclusivi. Detto questo, la certificazione tedesca di compatibilità ambientale denominata “Der Blaue Engel” (Angelo blu) certifica solo i modelli che hanno una percentuale di assorbimento specifico inferiore a 0,60 W per chilogrammo.

Per verificare il livello di radiazioni emesso dal tuo telefono, dai un’occhiata al database completo dell’ufficio federale tedesco per la protezione dalle radiazioni .

Share.

Rispondi