Se sei alla ricerca di un nuovo hobby come il mining puoi farlo, ma se stai pensando di tirarci fuori qualche soldo, sarà difficile, anche se hai energia gratis.

Ho di recente preso in considerazione l’opportunità di investire un po’ di soldi per hardware (gpu e asics) con lo scopo di minare cryptovalute (Ethereum nello specifico). Ho fatto centinaia di ricerche e interpellato amici traders e ex colleghi elettronici in Cina. Sono arrivato alla conclusione che non vale la pena minare crypto se non per piccoli progetti.

Se credi nelle crypto, acquistale e tienile al sicuro. Accettato il rischio, é molto probabile che lo stacking ti renderà molto di più rispetto al minarle.

Ora é però il caso di spiegare le mie motivazioni:

Le GPU non sono abbastanza efficienti

Il modo più economico per cominciare a minare é usando una scheda grafica.

300€ di scheda grafica = ~1€ di profitto al giorno

Questo rapporto è indicativo e per numeri più precisi puoi fare riferimento a questa pagina che segnala il wattaggio e la potenza di mining di alcune delle schede grafiche più popolari.

Potresti inoltre dover moddare il bios per poter ottenere le performance indicate sui vari siti di mining con piccoli o grandi scostamenti sull’assetto originario della tua workstation o gaming station. Il mining potrebbe interferire sensibilmente con le risorse a disposizione sul tuo sistema. Il tutto per pochi spicci.

Guarda questo grafico con la profittabilità delle GPU negli anni. Quello che prima valeva x, ora vale 0.x

fonte Cnbc

Nonostante la recente impennata dell’utilizzo di Ethereum per la DeFi (finianza decentralizzata), il mining con GPU è sempre meno redditizio. I tempi dove con un laptop potevi minare un bitcoin sono finiti.

Le GPU usate su eBay sono difficili da trovare

Sì certo, se quelle schede da 300€ le trovi a 200€ usate su eBay, magari in 200 giorni la ripaghi e poi fai qualche profitto. Se stai scommettendo sulle cryptomonete e sul fatto che non si deprezzeranno, allora non puoi escludere che esisteranno GPU sempre più efficienti in grado di effettuare più calcoli ad un costo energetico minore. Questo si converte in un costante aumento della difficoltà nel minare un blocco, rendendo le vecchie schede sempre meno profittevoli.

E non solo, perché ci sono anche gli ASIC miners, dispositivi con uno scopo: minare crypto. Questa tipologia di hardware produce la stessa quantità di profitto con consumi energetici che sono tranquillamente 40% più bassi di una GPU.

Ci sono “fattorie” con più di 10.000 di questi dispositivi che cannibalizzano l’industria del mining di cryptomonete. La loro efficienza tradotta in profitto gli ha permesso di generare una potenza di calcolo che é tranquillamente superiore a quella necessaria per tenere in piedi molte crypto.

Più potenza di mining = maggiore competitività = meno profitti (specialmente per i dispositivi meno efficienti)

E’ vero, esistono delle crypto che fanno resistenza agli ASIC miners, come Monero… che purtroppo mostra rendimenti molto bassi.

Ma quindi? COMPRO un ASIC miner!! Non é così facile.

Gli ASIC miner non li ripaghi facilmente

Bitmain e Innosilicon: due aziende cinesi che hanno speso soldi per sviluppare delle GPU dedicate al mining. Computers fatti per tramutare energia elettrica in soldi.

Il primo problema é che fanno più casino di un aspirapolvere e se non li raffreddi per bene finirai col romperli subito. Sono troppo costosi per piccoli esperimenti. Averne tanti é l’unico modo per avere un buon prezzo e l’unico modo per ridurre marginalmente i guasti (assistenza é in Cina)

E qui voglio insistere sulla manutenzione: oridnare un miner 3.000+ euro dalla Cina è molto difficile. Dovrai prendere in considerazione inoltre le tasse doganali per importarlo e il rischio di dover rispedire il prodotto in Cina per problemi in garanzia con tempi talmente lunghi che si tradurranno in profitti mancati su dispositivi che obsoletano molto rapidamente rapidamente.

Se fai un salto sul canale di mining di ethereum su Reddit, noterai che il mondo occidentale va avanti con le GPU ma in posti dove l’energia è più economica. Molti redditors e credenti nelle cryptovalute sono inoltre contrari agli ASIC: questi dispositivi sono un problema per la centralizzazione del network mentre in un mondo ideale, tutti dovrebbero essere in grado di contribuire con il loro semplice hardware domestico.

Se gli asic rendono perchè dovrebbero venderteli?

Se il dispositivo lo compri ai prezzi che vedi dai distributori europei come miners.eu, cryptosupply.de, o addirittura dai siti ufficiali di innosilicon o bitmain… Una cosa importante:

Se non lo ripaghi in un anno, stai scommettendo che nel secondo anno avrai pari rendimenti. Ne sei sicuro? Controlla asicminervalue.com e vedrai che il rendimento é molto volatile.

Ho lavorato in Cina per 8 anni nell’industria hi-tech e ti posso garantire che tutti i prezzi di listino sono veramente gonfi: se un miner cinese, oltre ad avere energia a 0.03€ al kW/h riesce anche a pagare l’ASIC a metà del tuo prezzo… Finirai con l’essere un minatore di hardware di seconda mano, strumentazione che ti verrà venduta solo una volta passato il picco del rendimento. Una bella scommessa.

Mi spiego meglio: é molto costoso in termini di energia fare andare un ASIC… ma é ancora più costoso tenerlo fermo a fare nulla sapendo che presto sarà obsoleto. Se sai che la macchina che hai in mano fa soldi, la tieni per te.. o la vendi a un prezzo folle.. elevato abbastanza da avvicinarti al suo potenziale profitto – nel frattempo ne prepari una ancora più potente.

La considerazioni sugli ASIC variano anche da crypto a crypto. Per esempio Ethereum ha in questo momento un DAG di 3.58 GB. Quindi 4GB di GPU é il minimo indispensabile per poter minare ethash. Antminer A10 che con queste caratteristiche sarà inutile in un paio di mesi, é in vendita stabilmente a 2000€ pur sapendo che per l’acquirente sarà una perdita garantita.

Devi essere molto scrupoloso con le crypto che utilizzano algoritmi poco popolari: nel 2020 rende molto minare ZCash. Ma non è che questa crypto stia andando particolarmente bene…. è semplicemente stato inventato un ASIC in grado di fare questo mestiere efficientemente.

Fonte Asicminervalue

In questo momento rende molto minare ZEC con l’antminer Z15. Ma per quanto tempo lo sarà? Questo miner costa $3500 e per ripagarlo con un profitto massimo di $21 / giorni ci ci vorranno 160 giorni. Questo è un mestiere che può funzionare molto bene per le mining farms che lavorano su molte crypto. Minare più crypto ti espone meno ai rischi di mancanza di performance di una singola. Ma se questi dispositivi rendono tanto veramente, il mercato verrà cannibalizzato molto rapidamente.

Quindi oltre alle truffe stai attento a far rientrare l’investimento rapidamente e anche se vai sui simulatori e segnali “corrente gratis”, potresti fare fatica a trovare qualcosa che si ripaga in meno di un anno.

Un altro consiglio che ti posso dare: segui un po’ e studia le crypto che segui. Con l’arrivo di DeFi su Ethereum (come dicevo prima), c’é stato un naturale aumento del rendimento nel minare questa crypto.. il prezzo dei suoi ASIC é salito con il diminuire dello stock.

Fai anche attenzione ad essere veramente sicuro prima di lasciare il tuo ASIC miner in strutture di altri in Cina o Russia dove la corrente costa poco. Fa gola lasciare il miner all’estero e non pagare l’IVA sull’importazione, delegando la manutenzione. Come ti ho già detto, questi miner sono già usati, attivi e stanno minando per altri che faranno di tutto per passarteli il più tardi possibile perché tanto tu hai già pagato. Se l’hardware non è in casa tua, l’hardware non è tuo.

Il Cloud Mining è una truffa

Sul web troverai di tutto. Da Nicehash dove potrai affittare potenza di calcolo di altri a siti come cryptouniverse che ti venderanno pacchetti (eg. 15 TH/s per per 110 giorni a $50 + costi dell’elettricità). Sono tutte truffe.

Premesso che ti venderanno solo hashing power di crypto che a queste farm non rende, nel tentativo di mungere ulteriormente hardware che per loro è obsoleto. Difficilmente troverai affari perché se rendono allora perché dovrebbero privarsi di un profitto certo per darlo a te? Troverai quasi solo cloud mining per BTC che è molto difficile da far rendere.

Vediamo insieme un esempio di cryptouniverse:

Dovrai quindi pagare $890 + $5 * 360 giorni = Totale $2690

Stando a cryptocompare.com, con 100 TH/s in 360 giorni potresti realizzare $ 2600 con la difficoltà del blocco attuale. Sarai quindi in perdita in partenza senza neanche prendere in considerazione le mining pool fees e i costi di transazione.

Ma se spendi quei soldi per comprare bitcoin durante un basso avrai subito quel quantitativo BTC senza dover aspettare un anno per minarlo.

Il Cloud Mining più funzionare per sviluppatori di nuove cryptomonete che hanno bisogno di hashing power per mettere al sicuro da attacchi la loro crypto. Per chi vuole fare soldi li sta in realtà buttando.

L’idroelettrico è l’unica risorsa scalabile

Se sei riuscito a farti installare impianti da 14-15 kWp (pannelli solari) potresti farcela a coprire quasi per intero il lavoro di un ASIC da 700-1000watt. Ma ricorda che un miner da 750 watt consuma 5-6 batterie di autocarro per andare durante il buio della notte. Svuotare totalmente e così rapidamente delle batterie domestiche ti porterà a rovinarle molto rapidamente l’impianto. Se pensi di utilizzare i pannelli di giorno per abbattere i costi di un ASIC, ricordati le complessità che prima ti spiegavo sulla difficoltà di ripagare questi dispositivi.

L’eolico potrebbe funzionare per le utenze ventose al Sud ma sono veramente molto costosi per il micro o pico eolico. Le pale eoliche da 1-3 kwh sono dei giocattoli molto costosi con rendimenti bassissimi. Progetti come Maya di Interwind possono funzionare ma sono costose. L’eolico è più volatile (😂) delle cryptomonete e farà fatica a darti una produzione costante.

L’idroelettrico rappresenta l’unica fonte stabile che viene utilizzata da molte farms (si piazzano in prossimità di centrali idroelettrica e negoziano prezzi bassissimi ma in grandi quantità). Ho un fiume che mi passa nel terreno dove potrei convertire un vecchio mulino in una mini centrale idroelettrica. Penso che questo sarà un bel progetto in futuro ma valutati i costi ci vorranno anni di mining per ripagare i lavori. Quanti come me hanno un fiume con un vecchio mulino? Se c’è qualcuno puoi sentirsi libero di mandarmi una mail per discutere ulteriormente.

Se nonostante tutto.. ci vuoi provare

Se non sono riuscito a demotivarti nel buttare i tuoi soldi, sono contento. Alla fine i piccoli miners sono molto preziosi per mantenere le crypto decentralizzate.

Parti piccolo. Cerca una GPU usata con un minimo di rendimento e attaccala a una vecchia scheda madre. Lascia andare ad oltranza. Genera micro profitti. Investi la stessa piccola cifra magari in BTC o in Yearn Finance in modo da paragonare i due investimenti.

Buona fortuna!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui